Stampa

S. Giorgio - San Giorgio Delle Pertiche
S. Giorgio delle Pertiche
LA STORIA

L’apposizione “delle Pertiche” sembra discendere o da un termine tardo romano di misurazione agraria o da usanze del costume funerario longobardo (pertiche con immagini di colombe), mentre il nome San Giorgio è di chiara ascendenza longobarda. I vescovi di Padova furono conti di San Giorgio e nel 1161 Federico Barbarossa concesse al vescovo la corte di San Giorgio. Ma intorno al 1224 il comune di Padova cominciò a sostituirsi alla giurisdizione del vescovo. Dal punto di vista ecclesiastico San Giorgio delle Pertiche era una pieve: nella decima papale del 1297 la giurisdizione comprendeva Santa Maria de Panigali, Arsego, San Martino di Campodarsego, Santa Giustina in Colle, San Giacomo di Fratte e San Martino de Carbantone. Verso la metà del Cinquecento si trovano aggiunte San Marco di Camposampiero e San Michele delle Badesse. La vecchia chiesa venne ricostruita dal 1838 al 1868. Fu in seguito ampliata e infine consacrata nel 1943. Sono previsti i lavori di sistemazione della ex bocciofila, attualmente chiusa, per ricavarne una sala della comunità.

L'ARTE

La parrocchiale di San Giorgio delle Pertiche ha una scultura in pietra dipinta della Madonna della salute che risale a fine Quattrocento. In origine monocroma, nel 1911 fu restaurata e ridipinta dall’artigiano Candido Tomasin. Nella cappella invernale è collocata una pala d’altare di Antonio Zanchi della fine del Seicento: raffigura della cintola sostenuta da due angeli mentre in basso sono riconoscibili santa Giustina, sant’Agostino e santa Monica. In controfacciata è collocata un’opera datata 1760 del pittore veneziano Giambattista Mengardi; rappresenta il Martirio dei santi Crispino e Crispiniano (nella foto). La tela proviene, con tutta probabilità, dalla cattedrale di Padova dove verosimilmente occupava il primo altare di destra oggi dedicato a san Pio X. Commissionata sembra dalla fraglia dei calzolai, fu creduta distrutta sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale mentre in realtà era stata trasferita in luogo sicuro.

 

FESTE

Titolare: san Giorgio; festa liturgica: 23 aprile. Madonna del rosario: prima settimana di ottobre.

LUOGHI SACRI MINORI

Oratori: Addolorata a Bosco del Vescovo; Trinità e Maria Maddalena a Torre de’ Burri; Maternità di Maria.


Stampa
Copyright 2010 La Difesa del Popolo - www.difesapopolo.it
?