Stampa

S. Maria Assunta - Arsič
Arsie'
LA STORIA

La comunità di Arsiè (nei primi documenti Arsei) è di antica data: la prima traccia documentale è la donazione del 1085 compiuta da una famiglia privata al monastero dei santi Eufemia e Pietro di Villanova, ora Abbazia Pisani. Ma la prima chiesa risale al quinto-sesto secolo, come testimoniano i resti rinvenuti sotto il pavimento del tempio attuale assieme a quelli di una chiesa triabsidata del decimo secolo. Le tracce sono emerse tra la ghiaia delle periodiche piene del torrente Aurich che costringevano ad alzare di volta in volta il livello pavimentale. Circa un secolo dopo, nel 1184, la pieve era sotto la giurisdizione del vescovo di Feltre. Intorno al 1280-90 passò sotto la diocesi di Padova. Una terza chiesa costruita nel Trecento, dedicata a santa Maria, aveva sotto di sé quella di San Giovanni di Tovedo (ora Rivai). Doveva trattarsi di una pieve di una certa importanza, dato che l’edificio era ampio ed elegante e aveva numerosi arredi e suppellettili (così lo descrive il vescovo Pietro Barozzi nella visita pastorale del 1488). La chiesa fu incendiata dalle truppe dell’imperatore Massimiliano durante la guerra di Cambrai; la ricostruzione e la decorazione si trascinarono tanto a lungo che è don Giovanni Dal Castello, arciprete tra il 1680 e il 1702, a essere ricordato come «assai benemerito pel compimento della chiesa e l’erezione di nuovi altari». Nel 1661 papa Alessandro VII le aveva intanto conferito il titolo onorifico di arcipretale. Nel 1734-36 è stata rifatta la facciata . Nel secolo seguente il tempio fu dapprima restaurato (1813) e quindi consacrato (1816).
Il 24 agosto 2008 l’arcivescovo mons. Mattiazzo ha benedetto il restauro interno dell’arcipretale, che ha ripristinato il marmorino settecentesco e l’apparato decorativo in rilievo. Il restauro ha anche reso agibili i resti delle chiese altomedievali (fondamenta, pareti e lacerti di affreschi) rinvenuti nei primi anni Ottanta durante i lavori di sostituzione del pavimento del presbiterio.

L'ARTE

È un bell’esempio di scultura feltrina l’antico crocefisso conservato nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta di Arsiè. Collocato sopra l’altare della Crocefissione, lungo la parete sinistra della navata, è databile alla seconda metà del 15° secolo ed è in legno intagliato e dipinto. Il Cristo appartiene al genere “patiens” cioè colto nel momento estremo della sofferenza e della morte, a cui rimandano lo sguardo ormai spento e la bocca socchiusa. Fortemente realistico nell’impostazione generale, presenta una netta definizione dei particolari anatomici, riscontrabili, soprattutto, nei muscoli delle braccia e del torace. Gli fanno da “pendant” due sculture, anch’esse in legno dipinto, che rappresentano risalenti, entrambe, alla seconda metà del 16° secolo. L’ ambito nordico, forse tedesco o austriaco, in cui furono realizzate, è riconoscibile dal trattamento del panneggio delle vesti, fitto e tagliente, nonché da un’accentuazione drammatica dei gesti e delle espressioni dei volti.
Di non minore importanza è l’altare secentesco che ospita il gruppo scultoreo, opera di maestranze venete. All’epoca barocca rimanda la sua struttura, in pietra con inserzioni in legno dipinto e dorato, tutto giocato sui toni del nero e dell’oro.
Sempre del Seicento sono i due angeli in marmo bianco posti al lati dell’altare maggiore, forse provenienti da una villa feltrina, e che una tradizione afferma essere nati dalle mani dello scultore Giovanni Castelli.
Lo sportello del tabernacolo in bronzo fuso, decorato con l’immagine di Gesù tra due angeli e monogrammi cristologici, è opera moderna dello scultore padovano Luigi Strazzabosco che lo ha ideato e realizzato nel 1946.

LUOGHI SACRI MINORI

Oratorio: San Michele arcangelo in via 1° maggio (1650). Oratorio della Visitazione di Maria in via Dante Alighieri (1739, poi riedificato e benedetto nel 1912) è tomba di famiglia dei Padovan.

FESTE

Titolare: santa Maria assunta.
Festa patronale: 15 agosto.


Stampa
Copyright © 2010 La Difesa del Popolo - www.difesapopolo.it
?