Stampa

S. Bartolomeo Apostolo - Marostica
Crosara S. Bortolo
LA STORIA

Fino alla metà del Settecento Crosara San Bortolo, comunemente Crosara (il toponimo si riferisce alla presenza di un crocevia), era soggetto alla vicina parrocchia di San Luca. La chiesa dedicata all’apostolo Bartolomeo fu costruita tra 1603 e 1609; un paio d’anni prima, nel 1601, gli abitanti avevano chiesto e ottenuto dal vescovo, in visita pastorale, di potersi erigere una propria chiesa, a patto che servisse l’intera parrocchia.
Dallo Stato della diocesi di Padova del notaio di curia Giovanni Bertazzi (1698) sappiamo che si trattava di una chiesa campestre: il cappellano vi celebrava nei giorni feriali e vi insegnava il catechismo. Ma ciò non bastava ai fedeli della contrada, visto che dal 1629 per oltre un secolo chiesero ripetutamente per la loro chiesa i diritti parrocchiali. Li ottennero nel 1753.
Tra 1883 e 1885 la chiesa ormai cadente venne ricostruita più grande e bella. Fu consacrata nel 1953, dopo ulteriori lavori di restauro iniziati nel 1948. La canonica è stata ristrutturata a metà anni Novanta.

L'ARTE

Tra le opere più antiche e pregevoli conservate nella parrocchiale di San Bartolomeo spicca il dossale dell’altare del Crocifisso con Gesù crocifisso tra san Domenico e san Francesco (nella foto), eseguito tra il 1590 e il 1610 presumibilmente dal bassanese Leandro dal Ponte. Nella parte inferiore del quadro sono ritratti i due committenti. Da sempre ritenuta di esiguo valore artistico, l’opera venne “riconsiderata” a partire dal 1963, quando il restauro eseguito da Ennio Verenini ne mise in luce le caratteristiche di vero gioiello pittorico. È firmata da Giambattista dal Ponte, membro della medesima famiglia di pittori bassanesi, la pala d’altare realizzata nel 1612 con la Madonna incoronata fra san Giovanni Battista e san Bartolomeo.

FESTE

Titolare: san Bartolomeo apostolo; festa patronale: 24 agosto.


Stampa
Copyright 2010 La Difesa del Popolo - www.difesapopolo.it
?